Chiesa Ortodossa “canonica ” , Chiesa Ortodossa “non canonica”

Fra le chiese ortodosse locali nel mondo (circa 20), alcune , come la Chiesa Russa in Esilio (ROCOR) , la Chiesa Ucraina, la Chiesa Greca del Vecchio Calendario (GOX), Chiesa Macedone , vengono talvolta dichiarate ingiustamente “non Canoniche”, senza però precisare si quale canonicità si intenda parlare: della canonicità sostanziale della fede, la canonicità dogmatica, oppure la canonicità che si riferisce a questioni di amministrazione e di disciplina , che viene definita canonica amministrativa.
Quest’ultima, anche se importante, non è essenziale, mente la prima, la canonicità dogmatica, è essenziale per la vera ortodossia di una Chiesa.
Canonico deriva dalla parola CANON, regola , i canoni dei concili trattano dunque questioni importanti di fede o questioni di amministrazione.
Canoni che trattano i misteri della fede, come, per esempio la Santissima Trinità, la divinità di Cristo, sono canoni Dogmatici. Essi sono essenziali, non possono subire mutamenti, sono eterni e costituiscono nel loro insieme la canonicità Dogmatica o la canonicità di fede di una Chiesa Ortodossa . La Canonicità amministrativa della Chiesa Ortodossa è costituita dell’insieme di regole che si riferiscono a fatti di amministrazione o a situazioni sociali e politiche e possono anche subire alterazioni o soppressioni, come la storia ci insegna. Se una Chiesa ortodossa definisce un’altra non canonica dovrebbe avere la correttezza di precisare se si parla di canonicità di fede o soltanto di canonicità Amministrativa, dunque di una canonicità . che non si riferisce alla fede ma a certe situazioni di organizzazione il cui fondamento è spesso di carattere politico, certamente non di fede poiché in questo caso si tratterebbe della canonicità dogmatica. Un esempio storico può illuminarci.
Con la rivoluzione d’Ottobre della Chiesa Russa, crudelmente perseguitata ed annientata da un regime ateo, non potè più occuparsi delle sue comunità all’estero. Così il Patriarca Tihon di Mosca temesse la creazione della Chiesa Russa all’estero. Il Suo Santo Sinodo dirigeva le Chiese Russe in Europa , America e vari posti nel mondo in piena libertà.
Molto presto la Chiesa Russa in esilio divenne il cento della propaganda antisovietica e la cosa comici a dar fastidio ai vertici del Cremlino. Di conseguenza questi obbligano il Patriarca di Mosca a sopprimere la Chiesa Russa libera all’estero. Il pPatriarcato dovette obbedire e soppresse la Chiesa Russa in esilio dichiarandola “NON CANONICA” e vietò ai russi all’estero di farne parte. Naturalmente la maggior parte dei fedeli russi al estero non obbedì e rimase fedele alla propria Chiesa Russa in Esilio (ROCOR). L’atto di soppressione fu un puro atto politico, normalmente invalido e di conseguenza altrettanto invalida fu la dichiarazione di “non canonica”della Chiesa Russa all’estero. Lo stesso discorso vale per la Chiesa Ucraina Ortodossa , che nel 1686 fu inserita con violenza e contro la volontà dei sui vescovi e del suo popolo nel Patriarcato di Mosca.Oggi l’Ucraina è diventata uno stato libero e sovrano e anche la Chiesa Ucraina si è dichiarata altrettanto indipendente da Mosca dopo 300 anni di colonialismo ecclesiastico . Naturalmente la chiesa moscovita non ha ancora “digerito” questa indipendenza e continua a dichiarare la chiesa ucraina (Patriarcato di Kiev) “non canonica e scismatica “, che dal punto di vista di molti e puramente geopolitico e non di carattere dogmatico , ma amministrativo. Così in Ucraina abbiamo attualmente due chiese ortodosse , una chiesa con ampia autonomia , la chiesa ucraina sotto il Patriarcato di Mosca e la chiesa ortodossa chiamato Patriarcato di Kiev. La fede in tutto ciò, non c’entra per niente e per conseguenza neanche la canonicità dogmatica ma puramente amministrativa.

+ Evloghios
Metropolita di Aquileia
Milano 11 marzo 2015

Biserica Ortodoxă “Canonică” ,Biserica Ortodoxă “necanonică”
____________________________________________________
Intre bisericile ortodoxe in lume(circa 20), anumite biserici locale precum Biserica Ortodoxă Rusă din Exil (ROCOR), Biserica Ucrainiană, Biserica Ortodoxă Grecă de stil vechi, (Biserica Ortodoxă de Stil Vechi din Romania (GOX), Biserica Macedoniană, sunt declarate adeseori nedrept, “ne canonice”, fară a se preciza motivul principal referitor la canonicitatea administrativă locală sau canonicitatea dogmatică de credință . Acesta din urmă chiar fiind important dar nu esențial, insă cel Dogmatic esențial pentru Adevarul de credință ortodox.

Cuvântul Canonic vine din cuvântul grecesc ce inseamnă Regulă, indreptar, referindu-se la canoanele dogmatica, Teologic precum si la unele reguli administrative dezbatute in Sfintele Sinodale Ecumenice. Canoanele dogmatice care debat probleme sențiale ale ortodoxiei precum Divinitatea lui Hristos, Sfânta Treime, Nascătoarea de Dumnezeu ect. Aceste Canoane fino esențiale pentru credință, nefiind schierate si alterate, vesnice costituind in totalitatea lor Canonicitatea Dogmatică de Credință a Ortodoxiei Universale.
Canonicitatea administrativă a Bisericii Ortodoxe este alcatuită dintr-o sumedenie de reguli sau probleme sociale sau politice, acestea putând adeseori suferii alterări sau modificări precum ne invață adeseori istoria.
Dacăo biserică ortodoxă locală declară o altă biserică ortodoxă locală necanonică , trebuie să aibe curajul si cOrectitudinea de a spune de ce canonicitate este vorba, administrativă sau dogmatică. Referitor la acest aspect administrativ, legat uneori de problemele geopolitice adeseori problema canonicitații se identifică eronat prin canonicitate dogmatică. Un exemplu istoric ne poate ilumina.
Incepând cu revoluția din Octombrie a Bisericii Ruse care a suferit in acea perioadă persecuții nedrepte, fiind distrusă aprope complect de regimul bolsevic, Sfântul Patriarh Tihon temandu-se de distrugerea complectă a Sinodului , dă binecuvântarea infințarii in Occident a unei Biserici Ortodoxe Ruse liberă de regimul sovietic. Această biserică ortodoxă in exil având libertatea totala de manifestare a ortodoxiei in occident. In puțin timp Biserica Ortodxă Rusă din Exil (ROCOR) devine centrul de propagandă a luptei antisovietic , devenind o problemă majora autirităților comuniste de la Kremlin . In consecvență patriarhul Moscovei este obligat da retragă binecuvantarea canonică a bisericii ruse, obligand credinciosii rusi din occident să nu mai participe la slujbele Bisericii Ortodoxe Ruse din Exil declarand această biserică NECANONICĂ. Bineânțeles credinciosii rusi din exil , rămânând fideli bisericii lor, declarand necaninicitatea si actul de suspendare a Moscovei un act politic si nefondat. Aceiasi problemă recentă o avem in Ucraina. Biserica Ortodoxă Ucriniană in anul 1686 a fost introdusă printr-o acțiune violentă in cadrul Bisericii Ruse, impotriva voinței Episcopilor Ucrainieni si a poporului sau. Astazi Ucraina a devenit un stat Suveran si Independent de Uniunea Sovietică, care după 300 de ani de colonialism eclesiastic isi doreste autocefalia . Ambiguitatea acutală face ca in Ucraina să existe astazi două biserici Ortodoxe, una cu o bogată autonomie locală insă sub omoforul Patriarhiei de Moscova si una Autocefală (Patriarhia Kievului), declarată de Moscova NECANONICĂ si SCHISMATICĂ, care din punctul de vedere al multora este doar polictică si administrativlocală si nu Dogmatică. Bineânțeles Biserica Rusă nu a digerat incă aceată independență si dorință a Ucrinei de a avea o Patriarhie.
In toată această problemă adimistrativă politică crează ambiguități si false interpretări ale canonicității.